Wine Magazine

TASTING

Degustazione: Syrah Principe di Cortona

Settembre 25, 2016

Degustazione: Syrah Principe di Cortona

Il vitigno

Vitigno tra i più modaioli degli ultimi 10 anni, il Syrah ha avuto una riscoperta da ormai diverso tempo in diverse zone d’Italia ed una di queste è proprio Cortona, la quale ammette, nel suo disciplinare Cortona DOC, anche la tipologia: “Cortona Syrah e Cortona Syrah Riserva”. Tra gli addetti ai lavori “si vocifera” che oggi i Syrah di Cortona siano tra i più apprezzati d’Italia, dunque, l’occasione è troppo ghiotta per non degustarne uno. Oggi abbiamo scelto: “il Principe”, il Syrah in purezza dell’azienda agricola Stefania Mezzetti.

Analisi visiva

Il manto è rosso rubino/granato con unghia viola intenso, poco trasparente e privo di impurità, dunque limpido.

Analisi olfattiva

Al naso il vino si presenta con sentori “morbidi”. Burro, punte di vaniglia e biscotto. Non mancano le note caratterizzanti il Syrah quali la speziatura, con il pepe nero che ne domina la categoria ed il fruttato che richiama un piacevole profumo di frutti di bosco – quasi tutti a bacca nera/blu.
In chiusura si possono percepire anche gradevoli e riequilibranti note boisé ed empireumatiche. Piccola sbavatura è rappresentata da una leggerissima punta di “acidulo” che ricorda l’odore delle vinacce post fermentazione.

Analisi Gustativa

In bocca il suo essere il vitigno “ruffiano” per eccellenza, per merito di una morbidezza avvolgente, fa il suo sporco lavoro! Tannino levigato e sottile, punte di sapidità per riuscire a stimolare anche le parti più laterali della lingua e freschezza di sottofondo, per non disturbare le insistenti e piacevoli parti morbide del vino, sono le caratteristiche principali di questo Syrah che pur essendo un buon vino crediamo possa avere dei grossi margini di miglioramento.

Abbinamenti

Lo consigliamo con della cacciagione stufata con un soffritto misto di verdure saporite (cipolla rossa di certaldo, sedano, carota, timo), con una spolveratina leggera di pepe. Si può accompagnare alla carne anche una trifolatura di funghi misti.




Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Per continuare accetta l'informativa sulla cookie policy more information

Per migliorare l'esperienza di navigazione all'interno delle pagine, questo sito usa cookie di terze parti. Accetta per continuare con una navigazione pulita e veloce. Accettando assumiamo che tu abbia letto le regole di policy.

Close