Wine Magazine

VIDEO TASTING

Video Degustazione | Prosecco Spumante Extra Dry – Col Sandago Riva di Rocca

gennaio 31, 2016

Video Degustazione | Prosecco Spumante Extra Dry – Col Sandago Riva di Rocca

Continua il percorso all’interno di uno dei territori più interessanti dal punto di vista vitivinicolo: il Veneto. Scopriamo ancora un po’ la tenuta Col Sandago (Case Bianche), spostandoci, questa volta, all’interno della zona di produzione di Riva di Rocca che culla uno dei vitigni autoctoni a bacca bianca del Veneto: la Glera (o Prosecco). La tenuta si estende all’interno del comune di Susegana in provincia di Treviso ed è qui che il vitigno Glera trova le condizioni chimico-fisiche migliori per “potersi esprimere” ed essere trasformata per la produzione di ottime bollicine che possono accompagnarci in tutte le situazioni. L’uso di tecnologia dell’industria agro-alimentare d’avanguardia e di nuove autoclavi per la presa di spuma garantisce alla tenuta Case Bianche un processo di trasformazione efficiente, grazie alla memorizzazione di tutti i dati di cantina e dell’interno processo produttivo, efficace e che porta alla produzione di un vino preciso e nel tempo riconoscibile. In queste condizioni che non lasciano nulla al caso nasce anche il Prosecco Spumante Extra Dry – Riva di Rocca. Un vino bianco metodo Charmat, disciplinato dalla DOC Prosecco (Treviso), trasformato con uva Glera al 100% e con un residuo zuccherino di 15 g/l. Il vino si presenta con un manto bianco carta e riflessi paglierini, di brillante limpidezza e trasparenza con un perlage (bollicina) mediamente fine. Al naso la potenza non è certamente il cavallo di troia di questo vino frizzante ma le famiglie odorose che si succedono sono diverse e ben distinguibili, cosa che rende il vino fine e franco. In primo piano una buon sentore di pane tostato (non proprio caratteristico di rifermentazioni in autoclave) il quale è stato preceduto da una lieve nota balsamica che sparisce quasi immediatamente. La nota vegetale (foglia) abbinata al buon sentore di mela verde completa l’analisi olfattiva. In bocca il residuo zuccherino rende questo vino amabile il quale, però, è poco sostenuto dall’acidità che pur non essendo caratterizzante lo rende fresco. Un vino, dunque, leggero e che si lascia bere, ottimo per gli aperitivi (anche fuori dai pasti) e che ha il grande pregio di lasciare la bocca “leggera” pulita e profumata.

SHOP   


Written by:



One comment
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Per continuare accetta l'informativa sulla cookie policy more information

Per migliorare l'esperienza di navigazione all'interno delle pagine, questo sito usa cookie di terze parti. Accetta per continuare con una navigazione pulita e veloce. Accettando assumiamo che tu abbia letto le regole di policy.

Close