Live Wine 2016: alla scoperta dei vignaioli indipendeti e del biodinamico

La manifestazione Live Wine 2016, al suo secondo anno si è fatta conoscere con entusiasmo e professionalità. Svoltasi al Palazzo del Ghiaccio in zona Porta Vittoria a Milano il 5-6-7 marzo 2016, la manifestazione è stata ben organizzata ed ha presentato ottime etichette, tutti di produttori biodinamici e biologici provenienti da tutta europa. Unica pecca è stata la tasing room sprovvista di tutto … per tale motivo la guida vini, sotto riportata, presenta diversi buchi informativi, oltre a non aver potuto degustare e riportare tutti i vini presenti in sala perché non erano tutti presenti in tasting room. Buona lettura!

FRANCIA - Geschickt - Bianco Alsaziano
Un giallo paglierino dall’unghia color rame. Al naso: balsamico (chiuso), molto agrumato (limone in primis) e floreale (fiori secchi). In bocca è leggero e un po’ sporco, leggermente sapido, legermente frescho, di medio corpo e rotondo. Caratteristica è la retrolfattiva di frutto estivo a maturazione non compiuta (susina).
VOTE: 83
4-Cork
FRANCIA - Carlems Mora - Clot de Les Soleres Rosé
(senza solfiti aggiunti < 4mg/l). Si presenta con un manto ramato. Al naso è molto scarico ma presenta comunque una leggerissima nota minerale ed erbacea. In bocca è petillant, leggermente sapido, leggermente tannico e fresco. Il finale di bocca è la parte più interessante di questo vino, infatti richiama sentori di frutta secca (a guscio) con una leggera sporcatura animale.
VOTE: 81
4-Cork
FRANCIA - Kelton - Chateau toru Blanc 2011
Giallo paglierino con riflessi dorati. Al naso presenta un buona nota di albicocca accompagnata da una leggera nota agrumata (limone). Il vino in bocca è a metà tra un passito ed una vendemmia tardiva, risultando caldo, leggermente sapido e fresco.
VOTE: 81
4-Cork
SLOVENIA - Brandulin - Bianco
Un giallo dorato dal naso un po’ sporco ma caratteristico: leggera tostatura in primo piano, boisé e qualche frutto di mare. In bocca leggero e leggermente sapido ma fresco. Retrolfattive di frutti di mare, cosmetico e spezia dolce.
VOTE: 83
4-Cork
SLOVENIA - Guerila - Bianco
Un gialo pagliarino mediamente intenso con un naso elegante: Anice, leggera “agrumatura” e frutta a polpa bianca. In bocca: un po’ scarico, di poco corpo, fresco e leggermente sapido.
VOTE: 85
5-Cork
SLOVENIA - Movia - Veliko 2007
Rosso rubino dall’unghia granata scarica. AL naso: vaniglia, speziatura, erbaceo e cuoio. In bocca il vino richiama che richiama la ciliegia, la vaniglia ed il tostato, risulta leggermente sapido e con un tannino abbastanza levigato.
VOTE: 85
5-Cork
SLOVENIA - Sveti Martin - Bianco
Giallo paglierino con riflessi dorati. Al naso: caratteristico è il caramello, il quale precede la balsamicità ed un po’ di mineralità. In bocca: il vino è sapido, di corpo, e dal tatto spigoloso (pungente). Retrolfattiva un po’ sporca ma piena.
VOTE: 80
3-Cork
TRENTINO A. ADIGE - Lieselehof - Bronner 2014
Giallo paglierino scarico. Un agrumato elegante ed una leggera vaniglia aprono il naso ed una leggera nota di “sudore” non proprio elegante ma nemmeno troppo presente. In bocca è fresco vino, sapido e caldo; di buon corpo e leggermente petillant. Il finale è pulito.
VOTE: 78
3-Cork
LOMBARDIA - Castello di Stefanago - Croatina 2011
Rosso rubino scarico. Al naso presenta un buon sentore di pepe nero, una leggera nota boisè ed una nota ferrosa (animale). In bocca ha un tannino leggero, è leggermente sapido ed ha un finale di bocca “acerbo” che richiama frutti rossi poco maturi.
VOTE: 79
3-Cork
PIEMONTE - Cascina Rocca Lini - Barbaresco Riserva 2011
Rosso granato dall’unghia aranciata. Al naso è speziato e balsamico anche se con qualche piccola nota fuori posto (che però non disturba troppo) e note minerali di costa (che richiamano frutti di mare). In bocca ha un tannino ancora “giovane” e abbastanza predonimante, con una buona sapidità e fresca acidità. Retrolfattiva che ricorda i frutti di mare.
VOTE: 82
4-Cork
PIEMONTE - Rocca di Carpineto - Ovada 2014
Rosso rubino intenso. Al naso presenta un leggero sentore di spezia ma ancora predominante è la varietalità dell’uva. In bocca ha un tannino giovanissimo (troppo verde) che deve maturare ancora tanto che oscura tutto il resto lasciando la bocca molto amara.
VOTE: 76
3-Cork
PIEMONTE - Cerruti - Sol (passito)
Giallo ambrato. Al naso na buona albicocca in confettura è la parte che si presenta all’inizio, accompaganata da una leggera nota speziata ed agrumata con un leggero sentore di miele. In bocca il passito si presenta con una buona struttura e di corpo e ha un retrolfattiva elegante, tra il miele e l’erbaceo.
VOTE: 89
5-Cork
PIEMONTE - Tenuta Grillo - Pecoranera
Un rosso mogano poco trasparente e poco limpido (data il fatto che non è filtrato). Al naso la nota animale è davvero molto forte e ferrosa che coprono tutto il resto. In bocca il vino è scarico e leggero, poco sapito con leggero tannino e poco caldo. La retrolfattiva rimane sempre molto “animalesca”.
VOTE: 76
3-Cork
PIEMONTE - Cascina Boccaccio - Grignolino del M. Casalese 2014
Rosso cerasuolo dai riflessi color mattone. Al naso è un po’ sporco, ma facendolo ossigenare si apre molto. Al naso un gradevole setore fruttato – dal colore “opposto” a quello del vino, in fatti ricorda il kiwi ed anche l”uva fragola. In bocca è di poco corpo, leggermente tannico e leggermente sapido.
VOTE: 80
3-Cork
PIEMONTE - Ricci Daniele - Bianco
Giallo pagliarino. Al naso un idrocarburo spinto accompagnato da una leggera nota vegetale e minerale. In bocca è sapido e fresco. In retrolfattiva rimane non troppo pulito ed anche abbastanza caldo.
VOTE: 78
3-Cork
MOLISE - Vinica - Tintilia Lame del Sorbo 2012
Rosso rubino carico. Il vino si presenta con una gradevole nota erbace (che richiama la foglia di ulivo) anche se lunghe olfazioni portano al naso un vino abbastanza “annacquato”. In bocca a parte un tannino levigato ma non proprio preciso ed una “acidità leggermente fresca”, continua ad essere un vino abbastanza piatto.
VOTE: 78
3-Cork
LOMBARDIA - Baruffalli - Riesling e Mulller Thurgau 2014
Giallo paglierino di media intensità. AL naso presenta una predominante nota floreale (fiori secchi pourpourry), continua con un sottofondo di idrocarburo e leggera nota minerale. In bocca il vino è sapido, leggero, un po’ meno di fresco e “poco caldo”.
VOTE: 83
4-Cork
MACEDONIA - Tatsis 2013 (red dry) - Incognito
Dal manto ambrato il vino al naso si presenta con ciliegia ed albicocca in confettura, tostatura, boisè, e qualche accenno di nota ferrosa. In bocca il vino è davvero “bruciato ed affumicato” (davvero violento). Fresco, tra il leggero e di corpo, sapido e caldo. La retrolfattiva racconta un vino per palati “strong”.
VOTE: 79
3-Cork
GRECIA - Tatsis - Old roots 2012
Rosso rubino dall’unghia violacea. Al naso naso ina leggera ciliegia ed un forte sentore boisè (che ricorda molto la terra e la folgia di ulivo), a tratti anche una leggera nota di anice. In bocca il vino risulta di buon corpo, leggermente sapido e con un tannino levigato ma ancora “crudo”.
VOTE: 82
4-Cork

Il nostro team un po’ sfiduciato e sconfitto dalla tasting room ha comunque fatto un giro tra la sala dei produttori ed ha potuto apprezzare diversi produttori e trasformazioni, come il Franciacorta dell’azienda Casa Caterina ed il Montepulciano d’Abruzzo di Emidio Pepe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.